PETER SCHIFF: BITCOIN NON “SI AVVICINERÀ NEMMENO” AL SUO MASSIMO DI 20.000 DOLLARI QUEST’ANNO

Gli ultimi mesi sono stati duri sia per la Bitcoin che per l’oro.

La principale moneta criptata è salita di oltre il 150% rispetto al suo minimo di marzo, mentre il metallo prezioso ha guadagnato il 15%. Entrambe le performance segnano guadagni notevoli per gli asset.

Eppure, secondo un importante investitore e sostenitore dell’oro, quest’anno non sarà Bitcoin Code a raggiungere un nuovo record. Dice invece che sarà il metallo prezioso.

PETER SCHIFF DICE CHE IL BITCOIN “NON SI AVVICINERÀ NEMMENO” AI MASSIMI DI 20.000 DOLLARI

A causa di quella che sembra essere una combinazione di acquisto da parte della banca centrale e di politiche monetarie facili, l’oro è salito alle stelle negli ultimi mesi. Il metallo prezioso si sta avvicinando a un massimo storico (rispetto al dollaro) e sembra destinato a continuare a salire.

Il Bitcoin “oro digitale” Bitcoin, purtroppo, potrebbe non condividere il destino dell’oro. L’amministratore delegato della Euro Pacific Capital Peter Schiff ha dichiarato il 28 giugno:

“Sto parlando degli ultimi 2 anni e mezzo. Ho sbagliato a non comprare Bitcoin 8 anni fa, ma chiunque lo detenga ancora ha sbagliato a non venderlo 2 anni e mezzo fa. #L’oro probabilmente farà un nuovo massimo storico nel 2020. BTC non ci si avvicinerà nemmeno”.

Schiff non è l’unico a pensare che quest’anno l’oro avrà un’ottima performance.

Lisa Shalett, responsabile degli investimenti di Morgan Stanley Wealth Management, ha recentemente sostenuto che il dollaro statunitense potrebbe raggiungere un picco. In un mondo in cui ciò accade, l’oro dovrebbe superare la performance, ha spiegato:

“Il dollaro potrebbe essere vicino al picco. Se il dollaro si indebolisce, questo potrebbe essere un buon momento per certi investitori per considerare di aggiungere un po’ d’oro ai loro portafogli”.

MOLTI SI LAMENTANO DI NON ESSERE D’ACCORDO

Nonostante lo scetticismo di Schiff nei confronti di Bitcoin, molti si aspettano che BTC superi i 20.000 dollari quest’anno.

All’inizio di quest’anno Mike McGlone, il senior commodity strategy di Bloomberg, ha pubblicato un ampio rapporto sulla crittografia. In esso, ha scritto che c’è una buona probabilità che il Bitcoin raggiunga i 20.000 dollari quest’anno.

Questa previsione è stata derivata da un’analisi secondo cui l’attuale azione dei prezzi di BTC è simile a quella vista dopo il dimezzamento del 2016.

“Il Bitcoin si avvicinerà al massimo record di circa 20.000 dollari quest’anno, secondo noi, se seguirà il trend del 2016”.

Allo stesso modo rialzista è l’amministratore delegato di BitMEX, Arthur Hayes. Ha scritto in un post del blog di aprile che il suo “obiettivo di prezzo per la fine del 2020 rimane di 20.000 dollari”. Come molti altri nel settore, Hayes si aspetta che la stampa di denaro da parte delle banche centrali dia impulso a Bitcoin.

Dan Morehead di Pantera Capital ha fatto eco a questo sentimento a un T. L’ex investitore di Wall Street ha detto su come le banche centrali possano dare impulso al Bitcoin:

“Ora che siamo nei miliardi, il deficit deve semplicemente avere un impatto positivo sul prezzo delle cose che non sono quantitativamente facili – azioni, immobili, criptovaluta rispetto al prezzo del denaro. Detto in un altro modo, il tasso di cambio incrociato BTC/USD aumenterà. Il prezzo del bitcoin potrebbe stabilire un nuovo record nei prossimi dodici mesi”.